Teatro Cavallerizza

Nel 1984, dopo avere recuperato i teatri Municipale e Ariosto, l’amministrazione comunale di Reggio Emilia delibera di perfezionare il circuito teatrale cittadino con l’annessione di un terzo edificio, ricavato dal restauro e adattamento a spazio per spettacoli della Cavallerizza, annessa all’ex caserma Zucchi e prossima agli altri due teatri cittadini. Si tratta di un grande vano rettangolare, coperto da un tetto a falde, utilizzato come maneggio dei cavalli fino alla seconda guerra mondiale. Grazie a una gradinata mobile, predisposta per assumere diverse configurazioni in relazione al tipo di messa in scena, la sala può avere una disposizione ad arena, con il palcoscenico al centro e le gradinate su due o quattro lati, oppure un’unica gradinata antistante il palcoscenico. Oggetto di potenziamento e ammodernamento delle attrezzature tecniche nel 2004, può ospitare fino a 500 persone. Il teatro, gestito dalla Fondazione I Teatri, è destinato in particolare alla prosa di ricerca e alla danza contemporanea, a stage, workshops, convegni ed eventi musicali.

Indirizzo

Viale Allegri, 8/a - 42121 Reggio Emilia

Contatti

Telefono
0522 458811
E-mail
uffstampa@iteatri.re.it
Web

Scheda

Anno di costruzione
1984
Numero sale
1
Numero posti
Fino a 500
Proprietà
Pubblica
Tipo programmazione
Prosa, musica, danza

Mappa

Teatro Cavallerizza - Viale Allegri, 8/a - 42121 Reggio Emilia
Visualizza su google maps
05/02

Il seme magico

di Marco Cantori - con Marco Cantori e Diego Gavioli - musiche di Diego Gavioli, Giacomo Fantoni e Marco Cantori - Accademia Perduta / Teatro Perdavvero
19/02

CARO LUPO

teatro su nero e d’ombre - ideazione e interpretazione di Miriam Costamagna e Andrea Lopez Nunes - regia e drammaturgia di Nadia Milani - scene, figure e puppets di G. Butera, A. Lopez Nunes, M. Costamagna, N. Milani, M. Moglianesi - musiche originali di Andrea Ferrario - produzione Drogheria Rebelot / Nadia Milani - consigliato dai 3 agli 8 anni - durata 55 minuti
04/03 > 05/03

Vladimiro, Estragone e i loro cugini

liberamente tratto da Aspettando Godot di Samuel Beckett - regia di Andreina Garella - ambientazione Mario Fontanini - un progetto di Festina Lente Teatro realizzato in collaborazione con Regione Emilia-Romagna, AUSL Dipartimento di Salute Mentale di Reggio Emilia, Scandiano, Fondazione I TEATRI di Reggio Emilia e Associazione Sostegno e Zucchero
Cosa
Quando
Dove
Cosa